Viterbo – Multato un pittore perché s’è sparato in vena un paninazzo

Viterbo – 22 settembre 2008 – ore 0,30 -Sembrava tutto finito a tarallucci e vino e invece c’è scappata la multa. E sì, una multa in diretta con tanto di fotografi per registrare tutto.

La prima multa per un panino mangiato sul sagrato di una chiesa non poteva avere maggior rilievo.

Per fermare le “orde barbariche”, guidate da Fortuna, il comune non ha badato a spese ben due auto e una moto della polizia municipale sul posto. Tre gli uomini impegnati. E mentre c’era questo popò di schieramento di forze, degno del prossimo G8, il buon Fortuna se ne sta a dipingere il suo quadretto, serafico.

“Mi hanno detto che mi multano per l’occupazione di suolo pubblico, 350 euro – racconta Fortuna -. Perché sono seduto sulle scale, 50 euro. Perché sto dipingendo altre 50 euro”. Come dire che il quadretto che stava dipingendo sembrava lievitare il suo costo a ben 450 euro.

Sembrava. Perché dopo un po’ le multe a Fortuna non ci sono più.

“Prima i vigili mi avevano detto che mi avrebbero multato – continua Fortuna -. Ma poi non mi hanno verbalizzato nulla. Non capisco. E non capisco perché non multano quel gruppo di turisti che stanno mangiando sul palazzo Papale. E poi gli altri che stanno sulla scale del Duomo”.

Ma una multa alla fine i vigili l’hanno fatta. Ma a un altro pittore Massimo De Giovanni. Ma non perché anche lui aveva un quadro su un cavalletto, ma perché mangiava il fatidico panino.
Ecco la motivazione scritta sul verbale dei vigili urbani: “Consumavano cibo e bevande in posizione seduta posti in maniera seduta sulla scalinata della cattedrale San Lorenzo sia in piazza S. Lorenzo”.

Ripetizioni e incongruenze sono degli estensori.

Multa conciliabile con 50 euro.

Ebbene sì, la prima multa per il panino è stata un po’ sofferta. Al contribuente sarà pure costata il doppio visto il dispiegamento di forze. Ma volete mettere quanto siamo più sicuri ora. Senza paninari in giro. E soprattutto con il famigerato Fortuna, noto spacciatore di panini con porchetta, ormai sotto il mirino della polizia municipale.

Come dire che a Marini piacciono le comiche. Perché a piazza San Lorenzo ieri una comica c’è stata.

Tanto di cappello a Fortuna che ha fatto scivolare il sindaco sui panini e sulla sua ordinanza.

Infine qualche domanda: Perché i vigili non hanno fatto le multe a tutti coloro che mangiavano e bevevano sulla scale del duomo e sul palazzo papale? Perché non è stata fatta la multa a Fortuna che pure appoggiava il suo posteriore sul peperino della ringhiera in peperino del duomo?

E ancora vista la motivazione della multa che tira in ballo anche piazza San Lorenzo come luogo dove non si può mangiare, perché non viene fatta una multa anche al sindaco che ieri mattina, preso da raptus mangiandi, se fatto un paninazzo proprio lì in piazza?

Come dire che forse l’ordinanza va rivista e chiarita almeno a chi la deve applicare. Il rischio altrimenti è che dei due turisti che ogni settimana vengono a Viterbo, uno venga multato.

Ernie Souchak

da La Velina

Annunci

Pubblicato da

diarioelettorale

Webmaster, divulgatore e commentatore non compulsivo.

One thought on “Viterbo – Multato un pittore perché s’è sparato in vena un paninazzo”

  1. Sono l’ideatore di una community che raccoglie circa 500 artisti e si chiama Progetto Cicero (http://progettocicero.ning.com).

    Stiamo tentando un esperimento di comunicazione on-line basato sulla creazione di comunità piccole ma dotate di una forte coesione tra i membri che viene ottenuta sia con regole di comportamento (nominalità, tolleranza, proattività ed educazione) sia con la condivisione di discussioni e ragionamenti.
    Allo scopo di alimentare la discussione tra di noi e trarre ispirazione dalla stessa, abbiamo dato il via ad un’attività che si chiama “Quindi-Ci” (http://progettocicero.ning.com/group/quindici).

    In soldoni, ogni 15 giorni ci diamo un tema e lo trattiamo con diversi linguaggi.
    In una sorta di gioco/concorso, passata la quindicina, scegliamo l’intervento più interessante.

    Il tema attuale è ” Arte patrimonio dell’Umanità ed arte professione dell’artista “.

    Ti scrivo in quanto, nel documentarmi, ho trovato il tuo blog ed ho pensato di invitarti ad alimentare con essa la nostra discussione nella convinzione che, quello che per te sarebbe un secondo di taglia ed incolla, per noi potrebbe essere la fonte di spunti interessanti e la possibilità di aggiungere nuove menti brillanti al nostro gruppo.
    Tu potresti pubblicizzare il tuoi scritti e trovare persone interessanti con cui discutere.
    Spero che considererai il mio messaggio come il complimento che esso è.

    Una cosa importante: ognuno di noi ha i suoi siti, il suo blog, i suoi spazi e non li abbandona.
    Il Progetto è un luogo dove discutere o presentare questi tuoi lavori (oppure semplicemente le tue idee) e non per fa alcuna concorrenza a blog siti e comunità che già li contengono.

    Un saluto
    Guido Mastrobuono
    (Direttore del Progetto Cicero)

    PS.

    Coerentemente con i nostri obiettivi, per l’accesso alla comunità, richiediamo una registrazione nel sito all’indirizzo http://progettocicero.ning.com/?xgi=db6QQdU , per la quale sono richiesti i seguenti dati: Nome, Cognome, Età, Residenza ed una foto del viso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...