Don Ciotti, ordinanza su prostituzione rischia di favorire le mafie

Roma, 13 ott – L’ordinanza contro le ”lucciole” e i clienti a Roma rischia di favorire le gestioni mafiose della prostituzione. Cosi’ don Luigi Ciotti, presidente dell’Associazione Antimafia Libera, si e’ espresso a margine della conferenza di presentazione della XII Carovana antimafia.

”Non e’ questo il provvedimento giusto – ha spiegato don Ciotti – perche’ noi queste ragazze abbiamo bisogno di incontrarle sulla strada per poterle aiutare’‘. Positivo invece il commento sulla legge Napolitano-Turco che ”prevede la regolarizzazione di immigrate irregolari che si prostituiscono, nel caso in cui denuncino il loro sfruttatore. Questo ha permesso a 7.500 ragazze in Italia di uscire dal giro”.

”Bisogna riflettere anche sui clienti delle prostitute che sono per la maggior parte uomini sposati su cui probabilmente incide la frustrazione. C’e’ bisogno di una riflessione piu’ ampia. I vertici della chiesa – ha concluso don Ciotti – sono in prima linea su problemi come immigrazione e prostituzione. Ma sugli altri temi non fatemi parlare”.

da ASCA

Annunci

Pubblicato da

diarioelettorale

Webmaster, divulgatore e commentatore non compulsivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...