Alcamo – L’ordinanza non c’è più

Un braccio di ferro tra il sindaco Giacomo Scala e il titolare di una attività commerciale collocata nei pressi del Castello dei Conti di Modica, si è concluso con la vittoria assegnata dai giudici del Tribunale Amministrativo Regionale agli esercenti che non meritavano alcun trattamento «punitivo» da parte del Comune.

Nei giorni scorsi il Tar ha accolto il ricorso presentato dall’avv. Giovanni Lentini per conto della società Edison. Il Comune si era costituito nel giudizio con l’avv. Stefano Polizzotto, intenzionato a difendere gli effetti di una ordinanza emessa dal dirigente del settore della promozione economica, con la quale si era imposta alla Edison di sospendere, senza valutare alcun altra ipotesi alternativa, l’attività di un locale, un pub che presto era diventato meta di tanti giovani.

L’assunto del Comune era quello in sostanza che non vi era compatibilità tra l’autorevolezza della piazza e quel pub, il fatto di trovarsi il locale a pochi metri dal sito dell’antico Castello dei Conti di Modica insomma non era una gran bella cosa. E in effetti che si trattava di un provvedimento errato lo hanno sentenziato i giudici del Tar che hanno obbligato l’amministrazione a riesaminare l’ordinanza impugnata e di assumere una decisione entro 60 giorni.

Sembra che la decisione del Tar porti verso una unica direzione e cioè quella di permettere l’attività commerciale magari facendola sottostare ad alcuni parametri di buon senso, tenere conto per esempio delle abitazioni circostanti, e dell’impossibilità di far musica a volume alto sino a notte fonda, circostanze che i titolari del pub sono prontissimi a prendere in debito conto, rispettando poi l’ordinanza anti alcolismo firmata dal sindaco Scala.

In effetti a far sospendere quella attività commerciale non era stato un eventuale riscontrato abuso di bevande alcoliche, ma pare la protesta di un residente che diceva di avere per causa del pub il sonno disturbato.

R. G.

da La Sicilia

Pubblicato da

diarioelettorale

Webmaster, divulgatore e commentatore non compulsivo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...