A Capriate guerra al kebab e ai phone center

KEBAB VIETATI IN CITTADINA BERGAMASCO

BERGAMO – A Capriate San Gervasio, un piccolo centro di 7.400 abitanti in provincia di Bergamo, un’ordinanza fa scoppiare una specie di faida del kebab. La giunta, a guida leghista, ha infatti dichiarato guerra ai kebab e ai phone center “indecorosì nel centro, scatenando le polemiche. Per alcuni è una discriminazione, per il sindaco è solo una questione di decoro urbano.

La decisione, presa circa un mese fa, vieterebbe di aprire locali (soprattutto per la vendita di kebab e phone center) in alcune strade del centro cittadino. Il sindaco Cristiano Esposito, però, non ci sta e parla di strumentalizzazione montata ad arte per criticare l’operato della sua giunta. “Si tratta di una delibera che risale a un mese fa ‘ – spiega il primo cittadino ‘ – e che abbiamo adottato con il solo obiettivo di preservare i centri storici di Capriate, San Gervasio e Crespi d’Adda prima di tutto dal punto di vista urbanistico, poi da quello della sicurezza e dell’ordine pubblicò”. Il divieto di aprire “kebab o simili” nel provvedimento firmato dalla giunta leghista c’é, ma secondo il sindaco della cittadina sull’Adda, non esiste alcuna discriminazione razziale: “Abbiamo preferito adottare una delibera di questo tipo – prosegue Esposito – cercando di prevenire il problema, per poi non ritrovarcelo sul piatto, com’era già capitato circa tre anni fa con un phone center.

Il problema non è rappresentato dagli imprenditori extracomunitari, la delibera vale anche per gli italiani che decidessero di aprire un pub o una grossa pizzeria in pieno centro. Si creerebbero problemi di parcheggio e di sovraffollamento del borgo storico ed è questo che noi vogliamo evitare”. A fare arrabbiare le minoranze in consiglio comunale, però, é stato il preciso riferimento ai kebab: “Lo ripeto – riprende Esposito – non c’é alcuna discriminazione razziale, abbiamo voluto specificare meglio alcune tipologie di attività che, sentendo anche gli amministratori di altri paesi, in genere danno più problemi di sicurezza e ordine pubblico per via delle loro frequentazioni”. Per aprire un locale a Capriate, dunque, bisognerà fare i conti con la giunta comunale. Il divieto, comunque, sarà categorico all’interno dei centri storici, non in periferia: ‘Se le richieste arrivano per altre zone, piu’ sicure e in grado di sostenere il carico urbanistico delle attività – conclude il sindaco – ne parleremo”. 

da ANSA

Annunci

Pubblicato da

diarioelettorale

Webmaster, divulgatore e commentatore non compulsivo.

One thought on “A Capriate guerra al kebab e ai phone center”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...