A Seveso debuttano le ronde contro le cacche dei cani

Le ronde padane sono ancora ben al di là da venire. In compenso, Seveso ha inaugurato le prime ronde contro le cacche dei cani. Proprio così: avete letto bene. In questi giorni è partita la seconda fase di “Non farmi vergognare! Raccogli sempre la mia cacca”, la campagna di sensibilizzazione per la raccolta degli escrementi dei cani da parte dei proprietari.

Dopo la distribuzione dei volantini avvenuta durante l’ultima fiera venatoria e l’affissione dei manifesti nelle scorse settimane, la campagna è entrata nel vivo con una sorta di verifica della situazione “via per via”.

Grazie alla collaborazione tra la Polizia Locale e l’Ufficio Ecologia, infatti, è in corso il monitoraggio della situazione rispetto all’incivile pratica di non raccogliere gli escrementi dei cani. Un operatore della Polizia Locale e uno dell’Ufficio Ecologia stanno verificando il rispetto dell’ordinanza che obbliga i proprietari dei cani ad avere idonea attrezzatura per la raccolta degli escrementi (bisogna avere almeno il sacchetto).

Il primo sopralluogo ha interessato le vie del centro e ha evidenziato, purtroppo, l’incivile abitudine di far fare la cacca ai cani nelle aiuole come se fosse lecito e normale. Non è così! Non si deve pensare che il verde nella Città sia un bagno pubblico per i cani. “Usare” le aiuole è un gesto da far vergognare persino i cani.

“Condividiamo il pensiero espresso dal cane del manifesto – afferma il Sindaco dottor Donati – perché siamo convinti che i cani si vergognano veramente dei loro padroni quando questi hanno comportamenti incivili. Avere un cane è un gesto di responsabilità sia nei confronti del cane stesso che dell’intera comunità. Non si può dire di amare e rispettare un cane se poi non ci si preoccupa del rispetto del decoro della città. – ha concluso il Sindaco -“.

I trasgressori saranno puniti con le sanzioni da € 25,00 a € 150,00 previste dall’Ordinanza sindacale n. 131/2006. Durante i controlli sarà chiesto ai padroni dei cani di dimostrare di avere gli strumenti idonei per la raccolta degli escrementi. In caso contrario scatteranno le sanzioni previste dall’ordinanza n. 131/2006.

da mbnews

Annunci

Pubblicato da

diarioelettorale

Webmaster, divulgatore e commentatore non compulsivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...