Pontirolo, si apparta con un viado multato di 450 euro, via la patente

I carabinieri hanno multato un 35enne di 450 euro per aver violato l’ordinanza anti prostituzione del sindaco di Pontirolo
Maxi multa da 450 euro, denuncia per guida in stato di ebbrezza, ritiro della patente. Tutto in una notte per un 35enne bergamasco che la notte tra sabato e domenica è stato sorpreso con un viado brasiliano dei carabinieri a Pontirolo. Il 35enne è stato multato per violazione dell’ordinanza anti prostituzione emessa dal sindaco.

Già che c’erano, i carabinieri della stazione di Fara d’Adda lo hanno anche sottoposto all’alcol test: è risultato positivo e questo gli è valso anche la denuncia e il ritiro della patente. Non è andata meglio al viado, un brasiliano di 27 anni, che è stato arrestato per violazione della legge Bossi-Fini.

da L’Eco di Bergamo

Annunci

Vicenza, sei multe per accattonaggio

Vicenza, 11 dicembre (Adnkronos) – Altre sei sanzioni per l’ordinanza anti-accattonaggio sono state elevate dalla polizia locale di Vicenza. Gli agenti del nucleo operativo di sicurezza del Comando di via Soccorso Soccorsetto hanno effettuato controlli in corso Palladio, piazza dei Signori, viale Roma e nella zona della stazione dei treni, oltre a controllare l’eventuale presenza di parcheggiatori abusivi nei parcheggi dell’ospedale civile, del supermercato di via Bedeschi e di via Cattaneo.
A cinque delle sei persone sanzionate mentre stavano mendicando e’ stato sequestrato il denaro illecitamente raccolto. Tali controlli verranno intensificati dalla polizia locale durante le festivita’ natalizie.

da Libero-News

Caserta: il sindaco dice stop ai fumatori nei parchi

Tempi duri per i fumatori casertani. Il sindaco Nicodemo Petteruti ha infatti emesso un’ordinanza che sancisce il divieto di fumo nei parchi pubblici. Chi viola la norma dovrà pagare una multa compresa tra un minimo di 25 euro e un massimo di 500 euro.

Lotta al fumo passivo – Con questo provvedimento il primo cittadino di Caserta intende tutelare la salute dei bambini e limitare i danni causati dal fumo passivo. A supporto della decisione – si legge nell’ordinanza – i dati del Ministero della Salute, secondo cui il fumo di tabacco risulta essere al secondo posto come causa di morte, dopo l’ipertensione arteriosa.

L’eccezione – Il divieto di fumo non riguarda gli «spazi immediatamente adiacenti alle sedi associative, purché utilizzati da soggetti di maggiore età»: vale a dire che nei circoli ricreativi per anziani si potrà fumare liberamente. Si potrà opporre ricorso contro il provvedimento al Tar della Campania entro 60 giorni dalla pubblicazione.

da julienews.it

Multata a Cagliari una pensionata per avere sfamato un randagio

Una pensionata di 62 anni, è stata multata per avere dato da mangiare ad un cane randagio. E’ accaduto a Siliqua, a 35 chilometri da Cagliari, dove un’ordinanza del sindaco vieta ai cittadini di cibare i tanti cani randagi della zona. La donna però, quando si è trovata di fronte ad un setter malato e stremato, vicino a casa, gli ha dato un po’ d’acqua ed una manciata di crocchette per cani. Subito è scattata la multa dei vigili: 105 euro.

A fare le spese dell‘ordinanza del sindaco una pensionata di 62 anni, Natalina Todde, che vedendo un setter malato e stremato (la Sardegna e’ fra le regioni piu’ calde d’Italia) ad un angolo della strada poco distante dalla propria abitazione gli ha dato un po’ d’acqua ed una manciata di crocchette per cani. Ma e’ stata multata dai vigili comunali (105 euro).

La donna – come ha raccontato al quotidiano La Nuova Sardegna che ha riportato la notizia – paghera’ la multa (“ho cercato di alleviare le sofferenze di quel cane mossa da compassione”) ma ha ricordato che ”i vigili urbani sono stati solerti nel sanzionarmi ma non sono stati puntuali quando li ho invitati più volte a far ospitare il setter in un centro in grado di curarlo”. Secondo i vigili vi è una ordinanza che deve esser rispettata e “se la signora Todde voleva dare conforto al setter poteva portarselo nel suo cortile”, avrebbero detto.

da TG COM

Pompei, in auto con una trans, multato

3/28/2009 – Pompei

Non si ferma il lavoro della polizia municipale teso al rispetto delle ordinanze contro la prostituzione e l’accattonaggio emanate dal sindaco di Pompei Claudio D’Alessio.

In due giorni sono state elevate ben nove contravvenzioni e questa volta nella rete degli agenti della Municipale è finito anche un uomo residente in provincia di Salerno pizzicato in compagnia di una “trans”. Sabato e domenica gli agenti hanno controllato tutte le zone dove è particolarmente diffuso il fenomeno del meretricio ed hanno scoperto e multato sei donne (per un importo complessivo di 3mila euro) e un uomo della provincia di Salerno che si è visto recapitare una contravvenzione di 500 euro perché fermato in atteggiamenti intimi in compagnia di un”viados”.

Il lavoro dei vigili urbani non si è limitato solo ad arginare il fenomeno della prostituzione: la loro attenzione si è concent r a t a a n c h e n e l l a l o t t a all’accattonaggio. Gli agenti hanno multato due nomadi che chiedevano l’elemosina nella piazza antistante la Basilica della Madonna del Rosario infastidendo con continue richieste di denaro turisti e residenti. Nella serata di domenica la polizia municipale ha anche sequestrato circa 950 cd venduti illegalmente da un extracomunitario che si è dileguato tra la folla. Entrambe le disposizioni del sindaco per arginare i fenomeni della prostituzione in strada e la petulanza degli elemosinanti sono entrate in vigore lo scorso febbraio.

Nel provvedimento contro le prestazioni a luci rosse il sindaco ordina “il divieto di esercitare attività di meretricio con qualunque modalità e comportamento, nei luoghi pubblici, spazi aperti o visibili al pubblico, con particolare riferimento dove è maggiore il rischio di incidenti stradali. Se “il cliente” è a bordo di un veicolo la violazione si concretizza anche con la semplice fermata al fine di contattare il soggetto dedito al meretricio”.

La violazione dell’ordinanza, dunque, comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di 500 euro e il sequestro cautelare d ell’ automobile. Dopo l’emanazione delle disposizioni del sindaco gli agenti della polizia municipale sono passati all’azione negli ultimi fine settimana.Sinora, tuttavia, a cadere nelle maglie della disposizione erano state soprattutto le passeggiatrici. Ma questa volta nella rete è finito anche un uomo della provincia di Salerno.

M. P.

da insomma.it

Verona, prima multa antidisturbo, cento euro a 23enne per musica alta

La polizia municipale di Verona ha multato un 23enne per la violazione all’ordinanza comunale del 24 febbraio, che vieta il disturbo e la lesione della civile convivenza all’interno dei condomini. I vigili sono intervenuti su richiesta dei vicini, che avevano segnalato rumori: all’interno dell’appartamento un giovane veronese con cinque amici ascoltava musica ad altissimo volume. Gli è stata notificata una sanzione di 100 euro.

La multa è stata verbalizzata la notte scorsa: la Polizia municipale di Verona ha sanzionato un 23enne abitante in un condominio per la violazioneall’ordinanza del sindaco Flavio Tosi del 24 febbraio scorso, che vieta il disturbo e la lesione della civile convivenza all’interno dei condomini. Gli agenti sono intervenuti su richiesta dei vicini, che avevano segnalato rumori e disturbo, fatto che la Polizia municipale ha effettivamente verificato, visto che ha dovuto suonare il campanello una cinquantina di volte prima che qualcuno si decidesse ad aprire la porta.

All’interno dell’appartamento sei giovani italiani e una musica ad altissimo volume. All’occupante dell’appartamento, un veronese, è stato notificata la sanzione di 100 euro prevista in questi casi per la prima infrazione e i suoi cinque amici sono stati identificati. L’ordinanza anti-rumore prevede che la sanzione diventi più pesante in caso di recidiva: 250 la seconda volta e 450 la terza.

da TGCOM

Ubriaco fa pipi’ a Siena, 200 euro di multa

SIENA – Erano ubriachi e uno di loro ha fatto pipì per terra. La polizia lo ha sorpreso e gli ha dato due multe, una di 102 euro per l’ubriachezza e una seconda di 100 euro per aver commesso atti contrari alla nettezza dei luoghi e al decoro.

All’amico, alterato dall’alcol anche lui, è toccata la multa da 102 euro. Il fatto è accaduto la scorsa notte, protagonisti due ragazzi, un senese di 28 anni e un calabrese di 26.

Durante un ordinario servizio di controllo nel centro della città, alcuni agenti della questura di Siena hanno visto i due giovani che cercavano di nascondersi tra le logge di una piazza. Una volta avvicinati, i poliziotti si sono accorti che i due erano completamente ubriachi e che uno dei due stava facendo pipì per terra.

Date le condizioni di alterazione alcolica, i giovani sono stati accompagnati in questura per l’identificazione e multati di 100 euro ciascuno per l’ubriachezza e ad uno dei due è stata aggiunta anche una sanzione di 100 euro per aver commesso atti contrari alla nettezza dei luoghi e al decoro.

da ANSA.IT